Franco Battiato

aaa

 

 

 

 

 

Francesco „Franco” Battiato (Italian: [ˈfraŋko batˈtjaːto]; born 23 March 1945, IoniaSicily)[1][citation needed] is an Italian singer-songwriter, composer, filmmaker and, under the pseudonym Süphan Barzani, also a painter.[2] Battiato’s songs contain esotericphilosophical and religious themes.

He is and has been for decades one of the most popular pop singer-songwriters in Italy. His unique sound, song-crafting and especially his lyrics, often containing philosophical, religious, and culturally exotic references, as well as tackling or painting universal themes about the human condition – unusual subjects for pop songs – earned him a unique spot on Italy’s music scene, and the nickname of „Il Maestro” („The Master” or „The Teacher”). His work includes songwriting and joint production efforts with several Italian and international musicians and pop singers, including the long-lasting professional relationship with Italian singer Alice. Together with Alice, Franco Battiato represented Italy at the Eurovision Song Contest 1984 with the song „I treni di Tozeur„.[3]

Biography[edit]

Early years and experimental period[edit]

After graduating from high school at the Liceo Scientifico „Archimede” of Acireale, and following the death of his father (truck driver and longshoreman in New York), in 1964 he moved first to Rome. Franco Battiato moved to Milan at age 22, and soon after won his first musical contract.

His single, „La Torre”, was released and Battiato appeared on TV to perform the song. He scored some success with the romantic song È l’amore. After further covers of pop songs, he met the experimental musician Juri Camisasca in 1970 and collaborated with Osage Tribe, an Italian psychedelic-progressive rock band. As a solo artist, he released the science-fiction single La convenzione (The convention), one of the finest Italian progressive rock songs of the 1970s.

Starting from 1971, Battiato devoted much of his efforts to experimental electronic music, producing a series of LPs that remained almost unknown at the time, but are now eagerly sought by collectors worldwide. Starting out with electronic progressive rock with some emphasis on vocals, his music became increasingly experimental, gradually moving into the realms of musique concrète and minimalismFoetus (1971, its cover was censored), Pollution (1972), Sulle Corde di Aries (1973), Clic (1974) and M.elle le “Gladiator” (1975).

In 1975, he moved to the Dischi Ricordi label, producing Battiato (1975), Juke Box (1976) and the experimental L’Egitto prima delle sabbie (Egypt Before the Sands, 1977), which won the Stockhausen award for contemporary music.[citation needed]

National success[edit]

After the Ricordi label failed to re-sign him, Battiato signed with EMI. He abandoned the Prog Rock experiments of the previous years and moved to a more pop-oriented style which afforded him ever increasing popularity with Italian audiences. In this period his albums were usually in collaboration with the renowned musician and violinist Giusto Pio, whose two later albums were produced by Battiato.[4][citation needed]

After L’era del cinghiale bianco (The Era of the White Boar, 1979) and Patriots (1980), Battiato obtained astounding success with La voce del padrone (His Master’s Voice) in 1981, which was the first Italian LP to sell more than one million copies. His commercial success was confirmed by L’arca di Noè (Noah’s Ark) in 1982. Songs such as „L’era del cinghiale bianco”, „Prospettiva Nevskij” („Nevsky Prospekt„), „Centro di gravità permanente” („Permanent Gravity Centrepoint”), „Bandiera bianca” („White Flag”), and „Voglio vederti danzare” („I Want To See You Dance”) established Battiato in Italy. Orizzonti perduti (Lost Horizons, 1983), which Battiato himself called kipper, was followed by the successful Mondi Lontanissimi (Faraway Worlds, 1985), which featured a solo version of the popular „I treni di Tozeur” („The Tozeur Trains)”, originally a duet with Alice performed at the 1984 Eurovision Song Contest.[5]

1988’s Fisiognomica (Physiognomy) sold more than 300,000 copies and it confirmed Battiato’s success. The album, considered by Battiato himself his best work for the balance between music and lyrics, contained the hit „Nomadi” („Nomads”), originally recorded by Alice and written by his old friend Juri Camisasca, who in the meantime had retired to a Benedictin monastery. The album also included the songs „E ti vengo a cercare”, which was performed by director/actor Nanni Moretti in his 1989 movie Palombella Rossa, and „Veni l’autunnu” with lyrics entirely in the Sicilian and Arabic languages.[citation needed] In 2013 he signed a publishing deal with Roberto Mancinelli and Sony/ATV Music Publishing[6].

Collaboration with Manlio Sgalambro[edit]

Battiato in concert during the Notte Bianca 2007 in Rome

In 1994 Battiato began to collaborate with the Sicilian philosopher Manlio Sgalambro, who was to write almost all the lyrics of his following albums. After the tentative L’ombrello e la macchina da cucire of 1995, in 1996 the duo published what is considered their best work so far, L’imboscata, containing the romantic hit „La cura” („The care”), elected best Italian song of the year.[7] Gommalacca (1998, with an unusual stress on hard rock), Ferro battuto (2000) and Dieci stratagemmi (2004) continued on the same path, with variations mainly set by Battiato’s unceasing desire for musical experimentation.[citation needed]

In 2003 Battiato released his first feature film, Perduto amor (Lost love), for which he also composed the soundtrack. The movie won the Silver Ribbon for the best debutant director. However, heavy criticism struck against his following movie, Musikanten, a rather experimental work about Beethoven‘s last four years of life. The German musician was played by the Chilean director Alejandro Jodorowsky. In November 2012 he accepted an offer from newly elected Sicilian regional president Rosario Crocetta to become the new Regional Minister for Tourism and Culture, announcing he will not take any compensation for the job, but was subsequently fired soon after his controversial claim that there were „troie in Parlamento” (whores within Parliament).[citation needed]

Battiato is vegetarian.[8]

Franco Battiato in concert in Teatro Circo Price, Madrid 2013

Discography[edit]

1970s[edit]

  • La Convenzione (single, 1971)
  • Fetus (1971)
  • Pollution (1972)
  • Sulle corde di Aries (1973)
  • Clic (1974)
  • M.elle le “Gladiator” (1975)
  • Feed Back (1975)
  • Battiato (1976)
  • Juke Box (1977)
  • L’Egitto prima delle sabbie (1978)
  • L’era del cinghiale bianco (1979)

1980s[edit]

1990s[edit]

2000s[edit]

  • Campi magnetici (2000)
  • Ferro battuto (2001)
  • Fleurs 3 (2002)
  • Last Summer Dance (2003, live)
  • Dieci stratagemmi (2004)
  • Il vuoto (2007)
  • Fleurs 2 (2008) (3X Platinum)
  • Inneres Auge – Il tutto è più della somma delle sue parti (2009) (Platinum)

2010s[edit]

  • Apriti sesamo (2012)
  • Live in Roma with Alice (2016)

Singles[edit]

  • 1965: L’amore è partito (Love’s gone)
  • 1965: E piu ti amo (The more I love you…)
  • 1967: La torre / Le reazioni (The tower / The reaction)
  • 1967: Triste come me / Il mondo va così (Sad like me / The world goes like this)
  • 1968: È l’amore / Fumo di una sigaretta (It’s love / Smoke of a cigarette)
  • 1969: Sembrava una serata come tante / Gente (It seemed it was an ordinary evening / People)
  • 1969: Bella ragazza / Occhi d’or (Beautiful girl / Golden eyes)
  • 1970: Lacrime e pioggia (Rain and tears)
  • 1971: Vento caldo / Marciapiede (Warm wind / Pavement) – recorded 1968
  • 1972: Energia / Una cellula (Energy / A cell)
  • 1972: La convenzione / Paranoia (The convention / Paranoia)
  • 1978: Adieu/San Marco – Elektra Records, t 123 310
  • 1979: L’era del cinghiale bianco / Luna indiana (The era of the white boar / Indian moon)
  • 1981: Bandiera bianca / Summer on a Solitary Beach (White flag / …)
  • 1984: I treni di Tozeur / Le biciclette di Forlì (The trains of Tozeur / The bicycles of Forlì) – with Alice
  • 1985: No Time No Space / Il re del mondo (… / The king of the world)
  • 1985: Via lattea / L’animale (Milky Way / The animal)
  • 1996: Strani Giorni/Decline and fall of the roman empire (Strange days / …)
  • 1996: La Cura (The Cure)
  • 1998: Shock in my town
  • 1998: Il ballo del potere (The Dance of Power)
  • 2001: Running against the grain/Sarcofagia/In trance (… / … / Into a trance)
  • 2004: Tra Sesso e Castità/Le aquile non volano a stormi/Ermeneutica (Between sex and chastity / Eagles don’t fly in flocks / Hermeneutics)
  • 2007: Il vuoto (Emptiness)
  • 2007: Aspettando l’estate (Waiting for summer)
  • 2007: Niente è come sembra (Nothing is as it seems)
  • 2008: Tutto l’universo obbedisce all’amore (The entire universe obeys love)
  • 2013: „Quand’ero Giovane” (When I was Young)

Singles in Spanish[edit]

  • 1985: La estación de los amores (Love’s season)
  • 1991: Pobre Patria (Poor homeland)
  • 1986: Yo quiero verte danzar (I want to see you dancing)

Operas[edit]

  • Genesi (1987)
  • Gilgamesh (1992)
  • Messa arcaica (1993)
  • Il Cavaliere dell’Intelletto (1995) – not published on CD
  • Campi magnetici (2000)
  • Telesio (2011)
Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
Dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
Dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d’umore,
Dalle ossessioni delle tue manie
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce
Per non farti invecchiare
E guarirai da tutte le malattie,
Perché sei un essere speciale,
Ed io, avrò cura di te
Vagavo per I campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissí )
Non hai fiori bianchi per me?
Pií¹ veloci di aquile I miei sogni
Attraversano il mare
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza
Percorreremo assieme le vie che portano all’essenza
I profumi d’amore inebrieranno I nostri corpi,
La bonaccia d’agosto non calmerí I nostri sensi
Tesserò I tuoi capelli come trame di un canto
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono
Supererò le correnti gravitazionali,
Lo spazio e la luce per non farti invecchiare
TI salverò da ogni malinconia,
Perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te
Io sì , che avrò cura di te
Compozitori: Francesco Battiato / Manlio Sgalambro

Amare è solo ed effettivamente prendersi cura di un altro essere, sollevandolo da tutto, stargli accanto, ma senza evitargli le indispensabili tappe nel dolore, senza il quale è impossibile risvegliarsi” (M.Macale – Franco Battiato, dalle origini a “Gommalacca” – ed. Bastogi).

di Valentina Copparoni

Il 23 marzo 1945 nasceva a Jonia, in provincia di Catania, un grande maestro, un compositore capace di toccare le corde più intime e vibranti dell’animo in maniera sofisticata ma mai eccessivamente complessa: sto parlando di Franco Battiato.
Per festeggiare il suo compleanno non posso non ricordarlo con un suo regalo per noi,  una delle canzoni più belle del suo immenso repertorio artistico ed una delle più belle del panorama musicale italiano: “La Cura”, scritta nel 1996 a quattro mani con Manlio Sgalambro.

Un testo, un’interpretazione dolcemente cullata da note che entrano in testa ed una volta entrate non si dimenticano più.

Le interpretazioni di questo brano sono in realtà diverse, è considerata dai più una   canzone d’amore, secondo altri è una canzone sull’abbandono e sulla assenza di una persona della quale non si può più fare a meno.
In realtà questo brano, come altre opere di Franco Battiato, probabilmente vuole essere una sorta di mantra, una preghiera-meditazione sulla essenza dell’amore come cura e “accompagnamento” di un’altra persona lungo una strada che è spesso, anzi quasi sempre, incidentata e fatta anche di dolore e di abbandono per cause esterne ma a volte per cause interiori e che solo da dentro posso essere risolte.

Amore inteso nel significato più ampio, non necessariamente quello tra uomo e donna, ma tra “esseri” che sono uniti comunque dalla forza di un legame come quello tra padre e figlio o, secondo un’altra interpretazione molto affascinante, tra Dio o qualunque essere superiore a  noi comuni mortali con i nostri difetti e le nostre fragilità.

La cura di chi e verso chi?

Forse una risposta unica non c’è, sta nel cuore di la ascolta e di chi di volta in volta  si “legge” in quelle parole. E forse lo splendore di questa canzone sta proprio in questo, nel lasciare chi ascolta semplicemente libero di dedicarla a chi desidera, al suo “essere speciale”, magari anche a se stesso.
L’amore di cui  si parla nel brano sembra  qualcosa in grado di andare anche oltre l’amore terreno, una sorta di parallelismo tra l’amore terreno, materiale e carnale –i profumi d’amore inebrieranno i nostri corpi, la bonaccia d’agosto non calmerà i nostri sensi– e quello spirituale, dell’anima.

Alcune interpretazioni vanno anche oltre, individuano il soggetto cui è dedicato il teso nello stesso Battiato che dipinge con  pennellate poetiche e delicate la sua visione misantropica della vita dedicata  alla propria ricerca filosofico-spirituale che gli ha permesso di affrontare con controllo e massima consapevolezza  la crudeltà della vita, i giudizi della gente, di conoscere forse l’assoluto o comunque ad intuirlo e con questa “forza” dedicarsi al suo essere speciale facendogli dono della sua anima ritrovata  e della sua conoscenza (Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza. Percorreremo assieme le vie che portano all’essenza …. Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto. Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono”.)

Ma c è un’interpretazione che più delle altre mi ha affascinato.
Si tratta di una lettura personale compiuta da Fabrizio Sebastiani (http://la-cura-franco-battiato.blogspot.it/) che interpreta il brano come un preghiera, al contrario.

Non dell’uomo verso Dio, ma di Dio che si rivolge all’uomo , alla sua creatura cui dedica parole di rassicurazione, di cura ma in senso non materiale piuttosto spirituale. Lui che conosce le leggi del mondo e che può farne dono.

L’arte, che sia un quadro o la musica, è qualcosa che si apre all’interpretazione di chi osserva o di chi ascolta che magari si allontana, e di tanto, rispetto a quella più autentica in quanto propria dell’autore. Non per questo si può parlare di errore o visione sbagliata anzi è proprio questa capacità che rende “viva” un’opera che altrimenti rimarrebbe soltanto tela e colori o note e spartiti.